News del sito

 
 
Immagine Giovanna Roberta Stagno
Come si misura il valore dei dati aperti? Parliamone il 27 maggio
di Giovanna Roberta Stagno - mercoledì, 20 maggio 2015, 16:09
 

Come si misura il valore dei dati? Come giudicare se un’operazione di apertura del patrimonio informativo ha raggiunto gli obiettivi di sviluppo del tessuto economico del territorio che l’agenda digitale europea si prefigge?

Non è affatto scontato, infatti, che, nel momento in cui viene reso disponibile, il dato open automaticamente generi trasparenza, accountability, sviluppo economico. Questo perché c'è una distanza ancora molto forte tra i dati così come vengono rilasciati e come invece servirebbero veramente agli utilizzatori finali. Occorre creare quindi una catena di valore del dato che semplifichi la complessità dei dati trasformandoli in informazione immediatamente utilizzabile. Occorre intervenire quindi su quello che c'è in mezzo tra il dato così come viene rilasciato e come invece servirebbe per poterlo render fruibile.

L’open data è un processo che ha un costo e che richiede una continuità nell'impegno della struttura amministrativa, ma soprattutto della politica. Se non vogliamo che l’entusiasmo la vitalità e l’impegno economico che le amministrazioni di tutto il Paese hanno dimostrato in questi anni sul tema dell’open data si esaurica come è successo a molti processi di innovazione in ambito pubblico, occorre porre attenzione all’aspetto del ritorno dell’investimento.

Di questo si parlerà al convegno dal titolo  "Il valore degli #opendata. Esperienze a confronto ", che si terrà nell'ambito della 26a edizione del FORUM PA (Roma, Palazzo dei Congressi) il prossimo 27 maggio dalle ore 15.00 - 17.00.

Consulta qui il programma e iscriviti qui